Home » Gli Ufo siamo noi

Gli Ufo siamo noi

by Lettere21

Il governo americano ha rivelato tra gli atlri che le frequenti e insolite apparizioni segnalate negli anni ’50 non erano Ufo ma aerei spia U-2. Questa sarebbe quindi la prova dell’assenza di altre forme di vita nell’universo? Ecco le ultime scoperte

«Ricordate negli anni ’50 le segnalazioni di attività insolite nei cieli? Eravamo noi». Con questo “cinguettio” postato su Twitter qualce anno fa la Cia ha pensato bene di fornire la sua versione di uno dei misteri più discussi degli ultimi settant’anni: le frequenti apparizioni degli Ufo, gli oggetti volanti non identificati. In particolare quelle segnalate all’epoca in Norvegia, con testimonianze di piloti sia civili sia militari che dicevano di aver visto strani dischi luminosi sfrecciare molto al di sopra ai loro velivoli a velocità incredibili. Prestazioni così straordinarie li avrebbero indotti a ritenere che solo dei congegni alieni fossero capaci di tanto.

Secondo i servizi segreti americani quell’ondata di avvistamenti avrebbe invece una spiegazione molto semplice: quelli che solcavano i cieli non erano Ufo ma gli U-2, gli aerei spia tenuti rigorosamente segreti durante la cosiddetta Guerra fredda con l’Unione Sovietica. Le loro fusoliere, spiega la Cia, una volta colpite dai raggi solari li riflettevano con effetti ottici sorprendenti fino a terra, alimentando anche presso i comuni cittadini la leggenda dei dischi volanti provenienti da altri mondi. Delusi dunque gli appassionati di misteri? Nemmeno per idea. Molti, infatti, si chiedono come quei velivoli potessero essere scambiati per dischi volanti. I Lockheed U-2, il cui nome in gergo era “Dragon lady”, erano entrati in servizio alla fine del 1957. Si trattava di aerei monoposto da ricognizione, dotati di una carlinga molto sottile e lunga 19 metri dalla quale spuntavano ali dall’apertura di ben 31 metri. Capaci di volare a un’altezza di 18mila metri, molto superiore a quella degli altri aerei, erano però piuttosto lenti, arrivando appena a toccare gli 800 km orari. Secondo gli ufologi, né la forma, che li faceva assomigliare più a una croce che a un disco volante, né la velocità, insufficiente per distanziare gli altri apparecchi, li avrebbero fatti scambiare per manufatti alieni.

Il “sigaro volante” della Nasa

Alcuni fanno osservare che nel suo messaggio la Cia si riferisce a episodi avvenuti negli anni ’50, ma tace sugli avvistamenti verificatisi negli anni successivi sia in Europa sia sul territorio degli Stati Uniti. Anche in quei casi si trattava di aerei segreti? In alcuni casi sicuramente sì: dagli arsenali della famosa Area 51 sono decollati nel corso degli anni innumerevoli prototipi di velivoli dotati di caratteristiche insolite. Così insolite da far battezzare la statale che la costeggia “The extraterrestrial highway”, l’Autostrada degli extraterrestri. C’è però chi, come l’hacker britannico Gary McKinnon, sospetta che il governo americano nasconda un segreto ben più grande. McKinnon, che dice di essersi inserito negli archivi informatici della Nasa e del Pentagono al fine di ottenere informazioni sugli Ufo e gli extraterrestri, rivela di essersi imbattuto in un file denominato “Disclosure project”, Progetto rivelazione, nel quale si parla della cattura di astronavi aliene che sarebbero poi state smontate per acquisirne le tecnologie. Secondo l’hacker, l’edificio numero 8 del Johnson space centre ospita un ufficio adibito alla cancellazione delle immagini degli Ufo dalle riprese satellitari. Ne avrebbe avuta la prova quando riuscì a visualizzare una di quelle foto che raffigurava un oggetto stupefacente, sospeso nello spazio sopra l’emisfero terrestre settentrionale. «Aveva la forma», dice, «di un sigaro argenteo perfettamente liscio con due cupole alle estremità: era del tutto diverso da qualunque manufatto umano conosciuto. Non c’era alcun riferimento alla sua dimensione, ma l’immagine sembrava ripresa dall’alto verso il basso. Purtroppo il peso del file era così grande che non ho potuto salvare subito la foto. Quando stavo per riuscirci, lo hanno scoperto alla Nasa e mi hanno scollegato». Tra le altre scoperte nei file segreti McKinnon sostiene di aver trovato una lista di nomi classificati come “agenti non terrestri”. Il Governo americano ha scherzato sull’affermazione, spiegando che non si trattava di omini verdi in visita alla Terra bensì di ufficiali impiegati sulle navi della Marina, ma l’hacker è convinto che quegli agenti non siano di stanza sul nostro pianeta ma su navi spaziali segrete. Ma a questo punto potremmo chiederci: le astronavi “targate Usa” sono solo fantasie di McKinnon o fra qualche anno la Cia ne ammetterà l’esistenza come ha fatto con gli U-2?

Le altre “Terre” dello spazio

La possibilità che esistano forme di intelligenza extraterrestri non intriga solo gli ufologi ma anche gli scienziati. «Se ci siamo solo noi nell’universo, mi pare un bello spreco di spazio», sosteneva già una trentina d’anni fa l’astronomo americano Carl Sagan, collaboratore della Nasa. Considerazione valida ancor di più oggi che il telescopio spaziale Kepler sta scoprendo nuovi mondi intorno a stelle lontane. Dei quasi 2.000 pianeti individuati “nora la maggior parte è di dimensioni superiori della Terra, ma ciò non signi”ca che non siano adatti a ospitare forme di vita complessa, magari in ambienti molto diversi dal nostro. Lo sostiene un nuovo studio di René Heller della McMaster university del Canada e John Armstrong della Weber state university di Ogden, nello Utah. Secondo i due ricercatori, pianeti rocciosi da due a tre volte più grandi del nostro potrebbero essere addirittura “super-abitabili” offrendo tutta una serie di vantaggi rispetto alla Terra. Tra questi, una minore attività vulcanica che comporta condizioni più stabili per la vita.

UFO, 60 ANNI DI AVVISTAMENTI, INCONTRI RAVVICINATI E RAPIMENTI

  • 24 giugno 1947. Il pilota americano Kenneth Arnold avvista una squadriglia di oggetti abbaglianti che si muovono a velocità incredibile. Li descrive come “fiying saucer”, piatti o dischi volanti.
  • 4 luglio 1947. Presso la cittadina di Roswell, nel New Mexico, si schianta un velivolo misterioso: per le autorità militari americane si tratta di un pallone sonda.
  • 1961. Si diffonde la notizia del primo caso di rapimento alieno: i coniugi statunitensi Barney e Betty Hill sostengono di essere stati obbligati da esseri dalle sembianze umanoidi di bassa statura, con la testa e gli occhi grandi e la pelle grigia, a salire su un’astronave per essere sottoposti a test fisici.
  • 1969. Si conclude il progetto Blue book, uno studio dell’Aeronautica militare degli Usa sugli avvistamenti di oggetti volanti non identificati. Il progetto ha analizzato 12.618 avvistamenti anomali nei cieli del mondo, di cui a 701 non è stata fornita una spiegazione. Nessuno però degli Ufo riportati, analizzati e valutati è stato mai valutato come minaccia alla sicurezza nazionale.
  • 1972. L’astronomo e ufologo americano Allen Hynek introduce il concetto di incontri ravvicinati con un oggetto volante non identificato: di primo tipo come semplici avvistamenti, di secondo tipo come osservazione di fenomeni fisici prodotti da un Ufo, di terzo tipo come constatazione di presenza di esseri animati.
  • 6 ottobre 1995. Gli astronomi ginevrini Michel Mayor e Didier Queloz annunciano la scoperta del primo pianeta extraterrestre. È un mondo grande 150 volte la Terra che orbita intorno alla stella 51 Pegasi distante da noi 50 anni luce.
  • Marzo 2007. La Francia è il primo Paese al mondo a mettere a disposizione del pubblico sul web il suo archivio ufficiale che documenta gli avvistamenti di oggetti volanti. Due mesi dopo anche il ministero della Difesa britannico decide rendere pubblici settemila “X-“les” riguardanti gli Ufo consegnandoli ai National archives di Londra.
  • 2008. In un’intervista il presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, ammette che gli Ufo esistono ma non rappresentano una minaccia. Tanto che decide di rendere pubblici i primi 44 casi ufficiali di avvistamenti da parte di testimoni istituzionali.

Potrebbe piacerti anche

Leave a Comment

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00