Home » Se la glicemia è già alta, gli alleati verdi ef­ficaci

Se la glicemia è già alta, gli alleati verdi ef­ficaci

by Lettere21

Se i valori degli zuccheri nel sangue hanno superato i limiti, puoi contare su estratti dall’efficacia provata

Quando i valori della glicemia s­ orano i valori di guardia si può intervenire con una correzione dello stile di vita, che contempli l’attività ­ sica (i muscoli bruciano gli zuccheri), e alcuni rimedi naturali. La soglia limite della glicemia a digiuno è 100. Oltre questo livello è opportuno sottoporsi a un secondo test, quello della tolleranza al glucosio: in questo caso la glicemia deve essere sotto i 140 mg/dl. Se è tra 140 e 200 mg/dl si pro­ la una “ridotta tolleranza al glucosio” che va tenuta sotto controllo. Riconoscere per tempo queste situazioni di limite permette di correre ai ripari, senza dover assumere farmaci. Qui alcuni rimedi utili per queste condizioni. La loro assunzione va concordata con il medico, che deve valutare se le condizioni individuali non necessitino di misure più incisive.

Il primo intervento/ Ti servono cromo e cannella: regolano i valori in modo naturale

Il cromo è un oligominerale essenziale per il corpo umano, poco presente nei cibi (si trova solo nella frutta a guscio, nei legumi e nel tè, oltre che nel cacao). Fra le sue diverse funzioni, c’è quella di favorire l’attività biologica dell’insulina (l’ormone responsabile della penetrazione dello zucchero nelle cellule del corpo umano) e regolarizzare il livello di zuccheri nel sangue. Per questo, il cromo picolinato è spesso presente negli integratori: facilmente assimilabile, concorre a regolare la glicemia. Spesso viene abbinato all’estratto di cannella. Sono numerosissimi gli studi che dimostrano l’ef­ cacia di questa spezia nel riequilibrare la glicemia a digiuno e nel far rientrare situazioni di pre-diabete. L’ingrediente attivo nella cannella, detto MHCP, si comporterebbe come l’insulina, avendo in più proprietà antiossidanti capaci di prevenire la formazione di radicali liberi nocivi. Scegli un integratore che abbia cromo e cannella (talvolta compaiono altri estratti naturali): la posologia varia a seconda dei prodotti, ma in genere è una capsula dopo i pasti.

Devi anche dimagrire?/ Ti viene in soccorso il gelso bianco

Chi è in sovrappeso ha un rischio più alto di sviluppare il diabete, che diventa addirittura dieci volte più elevato se si è di fronte a una condizione di obesità. Per favorire il corretto metabolismo dei carboidrati e ridurre la concentrazione di zuccheri nel sangue, cosa che agevola anche la perdita di peso, puoi ricorrere al gelso bianco, o gelso giapponese. Trovi integratori a base di estratto di gelso bianco (Morus alba) in capsule. In genere la posologia è di tre al giorno, una prima di ogni pasto (colazione, pranzo e cena).

Hai il colesterolo alto? I nuovi integratori multifunzione

Se oltre alla glicemia elevata c’è anche il colesterolo alto, e magari la pressione oltre i limiti, ecco che si con­ gura una condizione di sindrome metabolica. Oggi sono disponibili sul mercato integratori speci­ ci per la sindrome metabolica, che af­ ancano estratti naturali ipoglicemizzanti (spesso polisaccaridi, cioè ­ bre che vengono ottenute da avena, opuntia, semi di lino, konjac, gymnema) a composti che hanno una dimostrata attività anticolesterolo (Monacolina k). L’assunzione varia in base al tipo di prodotto scelto.

Se hai già il diabete/ L’ acido Lipoico protegge vasi e nervi

Chi ha già sviluppato il diabete, ovviamente deve ricorrere ai farmaci e seguire con diligenza la terapia. Eppure ci sono alcune sostanze che hanno dimostrato di essere utili. La prima è l’acido alfa-lipoico, una sostanza antiossidante che è stata oggetto di numerosi studi proprio per il suo impiego in soggetti diabetici. L’acido alfa-lipoico protegge in particolare la microcircolazione, la più colpita dal diabete. Inoltre riduce lo stress ossidativo e porta benefi ci anche al sistema nervoso, con miglioramenti nei sintomi neuropatici (dolore, sensazione di bruciore, parestesie, intorpidimento). Ovviamente in questi casi è opportuno concordare l’assunzione dell’integratore con il proprio medico.

Attenzione alla Vitamina B12

L’assunzione di metformina, il farmaco più utilizzato nel controllo del diabete, può portare a una diminuzione delle concentrazioni di vitamina B12, che ha un ruolo protettivo sul rivestimento dei nervi. Ecco perché può essere utile valutare con il medico l’assunzione di un integratore di vitamine del gruppo B, che contenga anche la B12.

Potrebbe piacerti anche

Leave a Comment

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00