Home » Quali sono i problemi che creano stress

Quali sono i problemi che creano stress

by Lettere21

Lutti, malattie, separazioni, conflitti sul lavoro e mancanza di denaro ci mettono a dura prova, soprattutto quando dobbiamo affrontarli tutti insieme

Non riusciamo più a recuperare il nostro equilibrio? Sentiamo di aver perso il controllo della vita? Percepiamo tutto cio costantemente? Se le risposte sono affermative, vi trovate in uno stato di stress cronico, una condizione da non sottovalutare. Lo stress più dannoso è quello cronico. Si verifica quando le condizioni che lo causano sono permanenti e con esse la nostra reazione di iperattivazione. Ma lo stress è pericoloso anche in un’altra condizione: quando tanti eventi avversi capitano tutti insieme. È quel che succede quando, ad esempio, siamo costretti ad affrontare contemporaneamente un licenziamento, problemi in famiglia o in coppia e significative difficoltà economiche.

L’impatto del COVID

Da diversi anni a questa parte molti vivono questa situazione: la pandemia da COVID-19 ha aggiunto una fonte di stress a quelle già presenti. Non si contano gli studi che lo hanno dimostrato: uno  ondotto dall’Università di Torino su 1.321 soggetti e pubblicato sulla rivista The Canadian Journal of Psychiatry ha rilevato un’elevata percentuale di individui con sintomi clinicamente rilevanti di ansia (69 per cento), di depressione (31) e di stress posttraumatico (20). Tra i soggetti più a rischio ci sono le donne: da una revisione di studi su questi temi, condotta all’Università di Cambridge (Regno Unito), emerse infatti che per loro il rischio di soffrire di disturbi connessi allo stress è doppio rispetto agli uomini. Le cause vanno ricercate nelle siuttuazioni ormonali in età fertile, che possono incrementare una risposta sfavorevole agli eventi e nella maggiore tendenza alla ruminazione, cioè all’elaborazione di pensieri continui e ossessivi su situazioni spiacevoli.

Il fattore smart working

Queste dinamiche erano già evidenti a inizio pandemia: le rilevava uno studio congiunto dell’Università di Tor Vergata (Roma) e di quella dell’Aquila condotto su 18mila soggetti. Quella che stiamo vivendo è paragonabile a una situazione di guerra, spiegava un psichiatra. A distanza di un anno lo stress permane, ma cambia lo scenario: Oltre a quella della malattia, per molti ci sono oggi la paura della solitudine e lo stress da smart working. Quest’ultimo sta sconvolgendo la vita privata, sta incrementando i problemi di lavoro e sta danneggiando gli equilibri psichici e familiari. Gli eventi stressanti, infatti, non lo sono mai in modo assoluto: a renderli più o meno sopportabili contano le risorse psichiche e materiali di cui ognuno dispone. Purtroppo, però, in presenza di uno stress cronico, queste risorse possono venire a mancare.

La classifica dei 30 eventi più stressanti

  • 1. Morte di un figlio
  • 2. Morte del coniuge
  • 3. Sentenza di carcerazione
  • 4. Morte di un familiare stretto
  • 5. Infedeltà del coniuge
  • 6. Grosse difficoltà finanziarie
  • 7. Crollo negli affari
  • 8. Licenziamento
  • 9. Aborto o figlio nato morto
  • 10. Divorzio
  • 11. Separazione coniugale dovuta a conflitti
  • 12. Chiamata in giudizio per gravi violazioni della legge
  • 13. Gravidanza non desiderata
  • 14. Ricovero in ospedale di un familiare per grave malattia
  • 15. Disoccupazione per un mese
  • 16. Morte di un caro amico
  • 17. Retrocessione nel lavoro
  • 18. Grave malattia fisica personale
  • 19. Inizio di relazione extraconiugale
  • 20. Perdita di oggetti personali di valore
  • 21. Causa legale
  • 22. Insuccesso accademico (esami o corso)
  • 23. Matrimonio del figlio senza consenso
  • 24. Rottura di fidanzamento
  • 25. Aumento dei conflitti coniugali
  • 26. Aumento dei conflitti con familiari conviventi
  • 27. Aumento dei conflitti con fidanzato/a, partner
  • 28. Grosso debito
  • 29. Partenza del figlio per motivi di studio o di lavoro
  • 30. Conflitto con il capo o i collaboratori

QUALI SONO OGGI LE MAGGIORI CAUSE DI STRESS?

Secondo gli specialisti, i principali eventi stressanti che possono essere vissuti nella nostra società sono classificabili in sei aree: famiglia, società, scuola e lavoro, casa, denaro, salute.

Problemi familiari: La famiglia è il gruppo di supporto fondamentale, pertanto un evento infausto che la colpisce è in grado di destabilizzarci profondamente. Tra le cause di stress principali ci sono infatti i lutti e i problemi di salute in famiglia, i divorzi e altre forme di allontanamento, l’abuso fisico o psichico tra congiunti e anche eventi positivi “forti” quali la nascita di un fratello.

Problemi sociali: Al di fuori della famiglia ci sono altri gruppi sociali importanti, come quelli amicali o la comunità di appartenenza. Anche qui tanti eventi possono causare stress: la morte di un amico, le forme di discriminazione sociale e naturalmente la solitudine. Quest’ultimo fattore è oggi molto presente: già nel 2015 uno studio Eurostat rilevava come più del 13 per cento degli italiani over 16 non avesse una persona a cui chiedere aiuto. Peraltro la paura di rimanere soli spinge sempre più persone a mettere in atto strategie che non fanno altro che peggiorare lo stress: ad esempio, pur di non restare soli, molti tengono in piedi relazioni che non funzionano.

Problemi scolastici e lavorativi: Lo stress scolastico, il disaccordo con gli insegnati e i compagni di classe e poi, da adulti, la disoccupazione, la paura di perdere il lavoro, gli orari e le condizioni di lavoro sono tra le condizioni maggiormente causa di stress. A peggiorare il tutto c’è il fatto che in molti casi non abbiamo la possibilità di ribellarci a ciò che non ci sta bene, come nel caso di un superiore aggressivo. Così teniamo dentro la rabbia per paura che una nostra reazione possa sfociare in un licenziamento o in una nota sul registro.

Problemi abitativi: Fare fatica a trovare casa, la paura di non riuscire a pagare il mutuo o l’affitto, i disaccordi con i vicini di casa, le condizioni abitative inadeguate e anche un trasloco sono eventi che causano tipicamente molto stress. La casa dovrebbe essere un riparo, un luogo sicuro dove rigenerarci: se nemmeno questa è vissuta con serenità, lo stress diventa cronico.

Problemi economici: Sono un’enorme fonte di stress, visto l’aumentare di condizioni di povertà anche nel nostro Paese. Così nasce la paura di non farcela, ma anche quella di essere derubati oppure vittime di frodi, come quelle informatiche. Tutto ciò alimenta stress ma anche diffidenza sociale, in un contesto così incerto come quello attuale. Una società fortemente individualizzata come la nostra, è portata infatti alla competizione e a considerare il successo economico come la prima dimostrazione di valore personale.

Problemi di salute: Lo stress che segue la diagnosi di una malattia grave è indubbiamente enorme, ma anche solo la paura di avere un problema di salute. L’ipocondria mostra come lo stress non sia sempre legato a un problema reale, ma alla nostra interpretazione (spesso scorretta) di segnali esterni. Secondo un’indagine sulla salute nell’era digitale commissionata nel 2018 dalla compagnia assicurativa Bnp Paribas Cardif sarebbero ben 9 milioni gli italiani maggiorenni che mostrano un atteggiamento ossessivo verso la propria salute fisica.

Potrebbe piacerti anche

Leave a Comment

Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?
-
00:00
00:00
Update Required Flash plugin
-
00:00
00:00